Calcolo Temperatura superficiale interna isolamento e comfort termico

VERIFICA DELLA POSSIBILITÀ DI FORMAZIONE DI MUFFA E CONDENSA SULLE PARETI

Temperature delle superficiale interne e comfort termico perché il calcolo temperatura superficiale delle pareti migliora la qualità degli ambienti.

L’isolamento termico dell’involucro di una casa crea un ambiente confortevole e non solo un risparmio energetico.

Il benessere psicofisico di una persona all’interno di un edificio dipende modo rilevante dal comfort termico.

I due principali fattori che determinano il comfort termico sono la temperatura dell’aria in cui stiamo e la temperatura di irradiamento che ci colpisce cioè il calore che ci arriva dalle superfici circostanti più calde o più fredde dell’aria in cui stiamo. Dunque a parità di temperatura dell’aria si possono avere comfort temici differenti.

La temperatura dell’aria all’interno dell’edificio è garantita dal riscaldamento che si può portare alla temperatura desiderata, mentre la temperatura media di irradiamento all’interno di un locale dipende dalle temperature delle superfici degli elementi di chiusura che circondano la persona che sta in quel locale, quali ad esempio la temperatura delle pareti, la temperatura di soffitti e pavimenti la temperatura dei serramenti.

La qualità dell’isolamento termico influisce in maniera determinante sulla temperatura delle superfici interne delle pareti dei muri.

Infatti, tanto migliore sarà l’isolamento termico dell’involucro, tanto migliori saranno anche le temperature delle superfici delle pareti e quindi si avrà un clima interno più confortevole.

La presenza di una parete esterna fredda (o troppo calda d’estate oppure un vetro troppo freddo o caldo di una finestra) può dunque suscitare una sensazione di freddo (o caldo) anche se la temperatura dell’aria risulta essere molto gradevole.

Si può dunque anche affermare che in presenza di un buon isolamento termico delle superfici la temperatura dell’aria dell’ambientale interna in cui si ha un comfort termico può essere anche sensibilmente abbassata se la temperatura delle superfici circostanti è più alta, senza per questo compromettere minimamente il comfort termico di chi ci vive. Questo si ha ad esempio con il riscaldamento a pavimento ove a parità di altre condizioni, si ha un temperatura della superficie più vicina a noi ovvero il pavimento molto più alta.

 

calcolo temperatura superficiale comfort termico
A parità di temperatura dell’aria interna il comfort termico è differente e dipende dalla temperatura media delle superfici circostanti. Ecco perché è importante controllare e calcolare la temperatura superficiale delle superfici interne

Guardando il grafico sopra (fonte prov. di Bolzano) si

In inverno quando il riscaldamento è acceso in via approssimativa si può dire che si ha una sensazione di calore piacevole quando la temperatura delle pareti circostanti sommata alla temperatura dell’aria dà all’incirca la nostra temperatura corporea.

Ad esempio se la temperatura dell’aria è di 20°C ma l’edificio è poco isolato e si hanno temperature medie delle superfici circostanti comprese fra i 14 e i 16°C non la situazione non è sufficiente a garantire il comfort termico ideale.

Per sopperire a questa carenza di temperatura non ci resta che alzare la temperatura dell’aria nel locale che dovrebbe essere aumentata sino a oltre 22 °C, senza per altro riuscire ancora a raggiungere il comfort ottimale con evidente aumento delle dispersioni e dei consumi energetici.

Viceversa se l’edificio ben isolato, senza ponti termici è facilmente raggiungibile una temperatura media delle superfici circostanti intorno ai 19°C ed il comfort ottimale può essere già raggiunto con temperature ambientali inferiori ai 20°C.

Essendo che per il consumo energetico è proporzionale alla differenza di temperatura tra interno ed esterno è per ogni grado centigrado di differenza si ha un potenziale risparmio che va dal 5% all’8% sui consumi si capisce bene che a parità di comfort termico abbassare la temperatura di 3 °C significa risparmiare dal 15% al 24% di energia.

Un buon isolamento termico dell’edificio consente dunque di risparmiare energia per il riscaldamento (ma anche per il raffrescamento) non solo mediante una riduzione della dispersione di calore attraverso le pareti esterne, ma anche perché si possono tenere temperature dell’ambiente più ridotte senza perdere nella qualità del comfort termico.

 

Calcolo temperatura superficiale

Il calcolo della temperatura superficiale è utile oltre perché è un elemento fondamentale del comfort termico anche perché dalla temperatura superficiale della parete dipende anche la possibilità di formazione sulla parete di condensa umidità e muffa.

foglio di calcolo per verifica formazione di muffa e condensa
Calcolo della temperatura superficiale di una parete e verifica della formazione di muffa e condensa. (fai il download

Per fare la verifica della temperatura superficiale abbiamo realizzato un foglio di calcolo Excel con il quale è possibile verificare se una data parete ha la possibilità di formazione della muffa e della condensa.

Calcolo temperatura superficiale e verifica della formazione di muffa e condensa secondo le norme uni e D.lgs 311/2006 download xls: {wpdm_category=condensa-nei-muri-e-nelle-pareti}

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

One Response to "Calcolo Temperatura superficiale interna isolamento e comfort termico"

  1. mariano   15 gennaio 2015 at 16:18

    grazie ottimo articolo

    Rispondi

Lascia un Commento

L’indirizzo email non verrà pubblicato.